Messina, resta in carcere ex fidanzato della ragazza ustionata

1' di lettura

Il gip ha disposto la convalida del fermo per il 25enne accusato di tentato omicidio. Il legale: "Il mio assistito dormiva". La vittima: "Non è stato lui". Ma le immagini di alcune telecamere aggravano i sospetti

Resta in carcere, su disposizione del gip di Messina, il 25enne accusato di aver cercato di uccidere la sua ex ragazza gettandole addosso della benzina e appiccando il fuoco. Per il giudice, ci sono "gravi indizi di colpevolezza" nei confronti del giovane. Il gip, pur confermando la custodia cautelare, non ha però convalidato il fermo.

 

Le immagini della sorveglianza - Ad aggravare i sospetti sul 25enne sarebbero state alcune immagini registarte da una telecamera del sistema di video sorveglianza di un distributore di benzina. Nel filmato si vede un giovane che, intorno alle 4,25 del mattino, si ferma al distributore per farsi riempire una bottiglia di plastica. Quella stessa sera i due ex fidanzati, secondo le ricostruzioni degli inquirenti, si sarebbero incontrati in discoteca. Poi lei sarebbe tornata a casa, lui no. 

 

Il legale: “Il mio cliente dormiva” - Alla fine dell’udienza per la convalida del fermo, l’avvocato del ragazzo ha detto: "Il mio cliente ha detto di non essere stato lui a dare fuoco alla ragazza: dormiva e non si è recato a casa della giovane. Il mio assistito ha riferito di volere bene alla ragazza e che mai avrebbe fatto un gesto del genere contro di lei". La Procura ha depositato nuovi atti ribadendo l'accusa di tentativo di omicidio pluriaggravato: il gip si è riservato la decisione.

 

La vittima: “Non è stato lui” - La ragazza, 22 anni, è ricoverata al Policlinico con ustioni nel 13% del corpo e continua a difendere l’ex fidanzato: "Se uno ti ama non ti può fare questo. Non è stato lui. Era molto più alto di me, capelli lunghi, robusto. Il mio ragazzo è molto più basso di me e senza capelli". E aggiunge: “Aveva un cappuccio, cioè una calza, ma si vedevano i capelli: mi ha spinto, sono caduta a terra, e ha versato il liquido”.

Leggi tutto