Botti di Capodanno, i consigli della Polizia per usarli in sicurezza

1' di lettura

I prodotti pirotecnici devono sempre avere un'etichetta dettagliata e non sono adatti ai bambini sotto i 14 anni. Mai raccogliere i fuochi non esplosi: sono pericolosissimi

I fuochi d’artificio per festeggiare l’inizio del nuovo anno sono una tradizione diffusa in tutto il mondo. Ma possono rappresentare un pericolo se usati in maniera scorretta, acquistati illegalmente o lasciati in mano ai bambini. C'è il rischio di ustioni, si può perdere l'uso delle dita, delle mani, della vista e andare incontro anche a lesioni più gravi.


L’utilizzo dei “botti” per festeggiare l’arrivo del nuovo anno in Italia lascia sempre una scia di feriti e, a volte, di vittime. Anche se per fortuna in diminuzione.

Negli anni sono stati venduti il "pallone di Maradona", la bomba "Osama Bin Laden" e la "Kamikaze": prodotti pirotecnici fuorilegge, che contenevano anche due o tre chili di esplosivo in grado di causare danni fisici irreparabili.

"Botti di Capodanno: i consigli della Polizia di Stato" è un sito che che spiega come festeggiare l'arrivo del nuovo anno in sicurezza, prima tra tutte quella di avvisare le Forze dell’ordine di qualsiasi attività pericolosa.

 

 

Controllare il venditore e l’etichetta - Tutti i fuochi d’artificio devono avere sulla confezione un’etichetta con l’autorizzazione alla vendita del ministero dell’Interno, il nome del prodotto, il nome della ditta, il Paese di produzione, le istruzioni per l’uso e la categoria a cui appartengono. I prodotti senza etichetta o con indicazioni incomplete sono illegali e proibiti. Bisogna prestare attenzione anche ai venditori, evitando di rivolgersi a distributori non autorizzati come le bancarelle improvvisate.

 

 

Attenzione ai bambini - I prodotti pirotecnici non sono mai destinati ai bambini, neanche se acquistati nei supermercati o nelle cartolerie. Il limite minimo d’età sia per la vendita che per l’uso è 14 anni, soglia che in ogni caso non vale per i fuochi di V e IV categoria, come razzi e bombe aeree, acquistabili solo da adulti e professionisti del settore. I ragazzi tra gli 11 e i 14 anni sono i più colpiti dalle esplosioni, con danni soprattutto alle mani e agli occhi.

 

I vestiti e l’ambiente - I fuochi d’artificio vanno accesi solo all’aperto, il più lontano possibile dalle case e non vanno mai puntati verso finestre e balconi. Per i prodotti pirotecnici come i fuochi aerei e le fontane luminose bisogna sempre assicurarsi dell’altezza che raggiungerà la fiamma e scegliere una posizione il più sicura possibile. È necessario, anche se si è semplici spettatori, assicurarsi di non indossare abiti di pile, in fibra sintetica o acetati, come le tute sportive, che sono altamente infiammabili.

 

I fuochi inesplosi - Una delle più comuni cause di incidenti sono i prodotti pirotecnici inesplosi e abbandonati, spesso trovati il giorno dopo Capodanno. Non vanno mai raccolti. Se ci si trova nelle vicinanze di un fuoco d’artificio di questo tipo la prima cosa da fare è avvertire le Forze dell’ordine.

 

 

 

 

 

Milano, carabinieri sequestrano oltre 1000 botti illegali: le foto

 

 

 

 

 

 

Leggi tutto