Meningite: bimbo ricoverato a Firenze reagisce a terapie

1' di lettura

Sono in miglioramento le condizioni del bambino di 4 anni in cura presso il Meyer. I medici esprimono cauto ottimismo. Altri casi a Fermo ed Enna

Le condizioni del bambino di 4 anni di Cascina (Pisa), ricoverato da sabato al Meyer di Firenze, stanno migliorando. I medici esprimono cauto ottimismo perché il bimbo sta reagendo alle terapie, anche se continua a essere intubato e la prognosi resta riservata. Il bimbo, vaccinato nel 2013, è stato colpito dal batterio meningococco di tipo C.

 

Un caso a Fermo, ma è meningite da pneumococco - Un uomo di 35 anni è ricoverato in rianimazione nell'ospedale 'Murri' di Fermo per una meningite da pneumococco. "Il paziente è costantemente monitorato e sottoposto a terapia antibiotica" ha spiegato la direttrice sanitaria. "La meningite da pneumococco non è contagiosa, dunque non è necessario sottoporre a profilassi i familiari e le persone che sono venute in contatto con il ricoverato".

 

Un caso a Enna -  Ha risposto alla terapia antibiotica il 34enne di Piazza Armerina (Enna), colpito da meningite e ricoverato nel reparto di malattie infettive dell'ospedale Umberto I di Enna. La risposta positiva del paziente alla terapia antibiotica ha fatto escludere che si tratti della forma virale da meningococco, molto più virulenta e spesso letale.

 

Ma è corretto correlare tutti questi casi di meningite? - Secondo la coordinatrice scientifica dell’ospedale Meyer di Firenze, Chiara Azzari, solo i casi di infezione da meningococco possono essere sommati tra loro. Inoltre, “in Toscana vediamo tanti casi perché la Regione ha messo in atto strategie per riconoscerli al meglio”.

 

 



Leggi tutto
Prossimo articolo