Osvaldo Napoli aggredito davanti a Montecitorio. VIDEO

1' di lettura

L’ex deputato di Forza Italia è stato bloccato in strada da attivisti del "Movimento 9 Dicembre Forconi". Gli hanno letto un articolo del codice penale e volevano "arrestarlo". Undici persone denunciate. "Non sapevano chi fossi, ma mi hanno aggredito perché sono un politico"

L’ex deputato di Forza Italia Osvaldo Napoli è stato aggredito nei pressi di Montecitorio da un gruppo di attivisti del “Movimento 9 Dicembre Forconi". Napoli, che oggi è consigliere comunale a Torino, è stato bloccato in una via vicina alla Camera dei Deputati. Undici esponenti del movimento sono stati denunciati. 

 

Un piano nato sui social network - Il movimento si era dato appuntamento vicino alla Camera dei Deputati per protestare contro il Governo e con l'intento di "arrestare" un politico. Una volta riconosciuto Napoli, hanno tentato di bloccarlo. Il piano per l'aggressione era stato organizzato sui social network. Da giorni, infatti, il movimento annunciava un assedio a Montecitorio. 

 

L’aggressione a due passi dalla Camera – Osvaldo Napoli, in un primo momento, si è fermato ad ascoltare le persone che lo hanno accerchiato. Poi un membro del gruppo di attivisti gli ha letto un estratto di un articolo del codice penale e successivamente l’ex deputato è stato bloccato. Strattonato in mezzo alla strada da un paio di uomini e da una donna, Napoli è stato liberato da alcuni carabinieri presenti in zona.

 

“Situazione estremamente delicata” - "Neanche sapevano chi io fossi - ha spiegato Napoli -avrebbero fermato qualunque politico. Sono solo dei delinquenti. È stata una situazione estremamente delicata”. 

 


 

Undici persone sono state fermate - A quanto ricostruisce la questura di Roma, in una nota, nell'immediato è intervenuto personale dei Carabinieri in servizio di vigilanza e, subito dopo, personale della Polizia di Stato del Commissariato Trevi Campo Marzio. Undici aderenti al Movimento dei Forconi sono stati fermati e condotti presso gli uffici del Commissariato. Al termine, gli attivisti sono stati tutti denunciati per rispondere di manifestazione non autorizzata, mentre con l'ausilio delle immagini si cercherà di individuare eventuali responsabili di violenza privata.

 

 

Leggi tutto