Piazza Fontana, Milano si ferma a 47 anni dalla strage

Il corteo degli studenti davanti all'ex Banca nazionale dell'agricoltura (Fotogramma)
1' di lettura

Due distinte manifestazioni, una organizzata dagli studenti e una voluta dalle istituzioni, hanno caratterizzato l'anniversario dell'attentato che, nel 1969, diede il via agli "anni di piombo"

In mattinata il corteo degli studenti, nel pomeriggio quello delle autorità con i gonfaloni delle istituzioni, con la partecipazione del sindaco Giuseppe Sala. Milano, a 47 anni di distanza, ricorda la strage di Piazza Fontana fermandosi, in due distinti momenti, per commemorare le vittime e tenere viva la memoria di quell'orrore.

 

Il Comune con i familiari delle vittime - La seconda manifestazione, quella istituzionale, è iniziata verso le 16, con un corteo che si è mosso da piazza della Scala. In testa, dietro il gonfalone del Comune di Milano, il primo cittadino del capoluogo lombardo, altri esponenti dell’amministrazione locale, i gonfaloni di varie città e della Regione, oltre ai rappresentanti delle famiglie delle vittime della strage avvenuta quasi 50 anni fa.


La madre di tutte le stragi - Alle 16.37 del 12 dicembre 1969 un'esplosione all’interno dell'allora Banca nazionale dell'Agricoltura, in pieno centro a Milano, provocò 17 morti e 88 feriti. Un evento (rimasto senza colpevoli) che cambiò la storia d’Italia e diede il via agli "anni di piombo" e alla cosiddetta strategia della tensione.

 

Il sindaco Sala: "Crimine impunito" - "Una pagina dolorosa e irrisolta", l’ha definita il sindaco Sala, ricordando inoltre che Piazza Fontana non è l'unico caso irrisolto per Milano. "C'è anche la strage di via Palestro - ha aggiunto - e di fronte a fatti così gravi ti aspetti, invece, che prima o poi si arrivi a una definizione delle colpe”.


Boldrini: “Non dimentichiamo” - Il ricordo delle istituzioni si è esteso, naturalmente, anche oltre i confini del capoluogo. "Quarantasette anni dopo l'Italia non dimentica quel dolore e quel terrore. Piazza Fontana chiede ancora verità e giustizia", ha scritto su Twitter la Presidente della Camera, Laura Boldrini.

Leggi tutto