Blitz contro la Sacra Corona Unita: 58 arresti nel Brindisino

Pattuglia dei Carabinieri (Fotogramma)
1' di lettura

Nell'operazione impegnati oltre 100 uomini della DIA. Tra i reati contestati ci sarebbe anche l'omicidio di Antonio Presta, figlio di un collaboratore di giustizia

Maxi operazione nel Brindisino dove i Carabinieri hanno arrestato 58 persone per presunta affiliazione mafiosa alla Sacra Corona Unita e reati collegati, tra cui l'omicidio di Antonio Presta, il figlio del collaboratore di giustizia Gianfranco Presta, ucciso il 5 settembre 2012.   

 

I reati imputati - Le 58 persone ora in custodia cautelare sono state arrestate per reati di associazione mafiosa, concorso in omicidio, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, porto e detenzione illegali di armi da fuoco. Durante le indagini, svolte dai Carabinieri di Brindisi, sono state intercettate frasi connesse ai riti di affiliazione alla Sacra Corona Unita.

 

L'omicidio Presta - Tra i crimini imputati agli arrestati c'è anche il concorso nell'omicidio di Antonio Presta, il 29enne di San Donaci ucciso il 5 settembre 2012 con nove colpi di arma da fuoco. Sul corpo del giovane, i killer infierirono picchiando la vittima con il calcio del fucile.

 

Impegnati 100 militari - L'operazione, iniziata alle prime luci dell'alba, ha visto impegnati oltre 100 uomini della Direzione Investigativa Antimafia di Lecce. I militari stanno eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti dei diversi soggetti indagati. tra i quali sembra che ci sia anche un presunto esponente della Sacra Corona Unita, già noto alle forze dell'ordine.

Leggi tutto