Palermo, falso cieco denunciato dalla Guardia di Finanza

Il nuovo caso di falsa invalidità riguarderebbe un dipendente della Regione (Getty Images)
1' di lettura

L’uomo, 56 anni, era assunto in Regione e percepiva da 20 anni l’indennità di accompagnamento. È stato filmato mentre scendeva di corsa le scale dell'ufficio postale

Un falso invalido è stato smascherato e denunciato dai militari della Guardia di Finanza di Palermo. Si tratta di un 56enne residente in un comune dell’hinterland del capoluogo, riconosciuto come "cieco assoluto" nel 1997, condizione per la quale percepiva un'indennità di accompagnamento e una retribuzione per la mansione di centralinista in un ente della Regione siciliana, dal quale era stato assunto proprio in quanto invalido.

 

L’indagine - Gli accertamenti delle Fiamme Gialle sono scattati dopo una segnalazione al 117. Il 56enne, denunciato con l’accusa di truffa aggravata, è stato osservato dagli inquirenti mentre svolgeva le normali attività quotidiane: recarsi da solo sul posto di lavoro in autobus, andare a prendere il caffè durante la pausa lavorativa senza alcun supporto o scendere di corsa la gradinata delle poste centrali di Palermo.

 

La truffa - L'indagato, a partire dal 1997, ha riscosso l'indennità di accompagnamento e, dal 2005, anche lo stipendio per l’impiego da centralinista presso l’ente pubblico. Il danno per le casse pubbliche è stato calcolato in una somma che supera i 300.000 euro. L'uomo è stato denunciato alla procura della Repubblica per truffa aggravata e i fatti sono stati inoltre segnalati alla procura regionale della Corte dei conti.

Leggi tutto