Morte Cranio Randagio, l'autopsia: non ci sono anomalie cardiache

1' di lettura

Il medico legale ha accertato il decesso del rapper per insufficienza cardiaca. Seviranno altri esami per stabilire le cause del decesso

Non aveva anomalie cardiache o cerebrali Vittorio Bos Andrei, il rapper noto come "Cranio Randagio", morto sabato scorso a Roma all'età di 22 anni. Lo ha stabilito l'autopsia compiuta al policlinico Gemelli. Il medico legale ha accertato, secondo quanto si è appreso, la morte per insufficienza cardiaca, ma saranno necessari ulteriori esami, in particolare quelli istologico e tossicologico per stabilire le cause del decesso.

 

"Cranio Randagio" è morto dopo aver preso parte ad una festa. Sulla vicenda il pm Maria Rosaria Guglielmi procede per morte come conseguenza di altro reato.
 

In uscita il primo album - Vittorio Andrei stava per pubblicare il suo primo album dopo aver ricevuto migliaia di commenti positivi su Facebook e YouTube per la sua esibizione dello scorso anno all'edizione 9 di X Factor. 

Leggi tutto