Rischia la cecità il primario aggredito con l'acido a Modena

1' di lettura

Il direttore del reparto di oculistica dell’ospedale di Baggiovara, dove si trova ricoverato, ha detto che “Stefano Tondi ha una diffusa ustione bilaterale su entrambi gli occhi”

Rischia la cecità il direttore del reparto di Cardiologia dell’ospedale di Baggiovara di Modena Stefano Tondi, aggredito giovedì con l’acido mentre si trovava con il figlio Michele. Gianmaria Cavallini, direttore del reparto di oculistica del nosocomio che si occupa del caso, ha detto che “il paziente ha subito una diffusa ustione bilaterale su entrambi gli occhi che determina un opacamento della cornea a causa della necrosi. Abbiamo limitato i danni – spiega il medico – però rischia comunque una cecità, seppur non totale”.

 

Le condizioni del figlio - Anche il figlio Michele è stato colpito dall’acido, riportando lesioni di minore entità al cuoio capelluto. Le sue condizioni sono buone, ma rimarrà ricoverato ancora qualche giorno per continuare le terapie.

 

L’aggressione - L'aggressione sarebbe avvenuta nei pressi dell'abitazione del dottore, che stava rientrando in compagnia del figlio 19enne. Secondo le prime analisi sarebbero stati colpiti con soda caustica. Il medico era testimone di un processo in corso sul reparto di Cardiologia del Policlinico.

Leggi tutto