Primario aggredito con acido nel Modenese. Fu testimone in un processo

1' di lettura

Il direttore del reparto di Cardiologia dell'Ospedale di Baggiovara, Stefano Tondi, è stato sorpreso da una persona sotto casa, che gli ha spruzzato soda caustica sul volto. E' ricoverato in prognosi riservata e rischia di perdere la vista. Colpito anche il figlio

Il direttore del reparto di Cardiologia dell'Ospedale di Baggiovara di Modena, Stefano Tondi, è stato aggredito nella serata di giovedì a Vignola da un uomo che gli ha spruzzato acido soprattutto sul viso ed è ora ricoverato in prognosi riservata al Policlinico di Modena. L'aggressione sarebbe avvenuta nei pressi dell'abitazione del dottore, che stava rientrando in compagnia del figlio 19enne, a sua volta raggiunto dall'acido riportando solo lievi lesioni. 

 

Aggressione con soda caustica - La direzione del Policlinico di Modena specifica che l'aggressione è stata compiuta probabilmente con soda caustica. Entrambi sono ricoverati nel Dipartimento Test-Collo e sono seguiti dagli specialisti dell'Oculistica, diretta dal professor Gianmaria Cavallini, e della Dermatologia diretta dal professor Giovanni Pellacani. La vittima rischia ora di perdere la vista. Saranno decisive le prossime due settimane di cure per avere riscontri più definiti. Intanto il sindaco di Vignola, Mauro Smeraldi, amico di lunga data del cardiologo, dichiara: "siamo arrivati alla barbarie, frutto di una società fondata esclusivamente sulla ricerca facile del potere e della ricchezza. Con Stefano è stato colpito un professionista di altissimo livello e generosità e un grande amico, compagno di tante lotte studentesche combattute nella speranza di creare un mondo migliore. Impresa nella quale abbiamo fallito".

 

Procuratore: "E' stato testimone a un processo" -  "Quanto è accaduto al dottor Tondi è un fatto gravissimo" ha detto il procuratore di Modena Lucia Musti. "Stiamo indagando per lesioni gravi, speriamo non diventino gravissime, e gli inquirenti sono al lavoro in tutti i settori possibili di indagine - prosegue - Il dottore riveste un ruolo apicale, e il primo dato che è emerso è che è stato un teste importante in un processo in corso a Modena sulla Cardiologia del Policlinico. Questo non vuole dire nulla al momento, ma sappiamo che era stato sentito il 25 giugno scorso in Tribunale a Modena". E ha aggiunto:  "Il primario Tondi ha problemi alla vista ed è stato sentito dai carabinieri del Reparto Operativo del comando provinciale di Modena".

Data ultima modifica 12 novembre 2016 ore 08:50

Leggi tutto