Baby squillo dei Parioli, arrestata la madre di una delle ragazze

1' di lettura

Dopo il rigetto del ricorso in Cassazione, è diventata definitiva la sentenza di condanna della Corte d'Appello di Roma nei confronti di una 46enne. L'accusa è di prostituzione minorile aggravata

È stata arrestata e portata a Rebibbia la mamma di una delle ragazze coinvolte nello scandalo delle cosiddette "prostitute minorenni ai Parioli", portato alla luce nell'ottobre del 2013 dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di via in Selci. Condannata definitivamente per prostituzione minorile aggravata, la 46enne romana deve scontare 6 anni di carcere.

 

La condanna definitiva - La donna era già stata arrestata all'epoca dei fatti in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare, poiché incoraggiava l'attività della figlia 15enne, alla quale toglieva anche parte del denaro ottenuto in cambio di prestazioni sessuali, ma in seguito era stata rilasciata. La sentenza definitiva della Corte d'Appello di Roma è arrivata il 28 ottobre e i carabinieri hanno notificato alla donna l'ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso dalla Procura.

 

Lo scandalo delle baby squillo ai Parioli-  Nella vicenda, emersa nel 2013, sono coinvolte due baby-prostitute di 14 e 15 anni, che incontravano i clienti in un appartamento ai Parioli con la complicità della madre di una delle due. Molte le persone coinvolte nell'indagine, tra cui diversi clienti delle ragazze e un ragazzo all'epoca 16ene, condannato a dieci anni di carcere per esser stato il "manager" delle due minori e anche il loro pusher.

 

 

Leggi tutto