Sequestro record di 60 kg di eroina al porto di Trieste. Un arresto

Guardia di Finanza in azione (Fotogramma)
1' di lettura

La droga trovata in un camion immatricolato in Iran proveniente dalla Turchia. La sostanza è stata giudicata purissima

Sequestro di droga record nel porto di Trieste. Gli uomini dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, in collaborazione con la Guardia di Finanza, hanno individuato e confiscato 60 chilogrammi di eroina. La droga è stata trovata in un camion immatricolato in Iran proveniente dalla Turchia, sbarcato nel porto franco. Diretta verso il Nord Europa, la sostanza è stata giudicata purissima e dal potenziale economico molto alto, una volta messa in commercio.

 

 

La dinamica del sequestro - Il camion è stato ispezionato anche da"Acab" e "Sacher", due cani antidroga in forza al reparto portuale, e attraverso una scansione a "raggi X".  La droga era nascosta dentro il carico dell'autoarticolato: sacchi di sale per uso industriale. Il conducente, K.M., di 34 anni, cittadino iraniano, è stato arrestato.

 

Non è la prima volta – Il porto di Trieste negli ultimi anni è stato più volte teatro di operazioni di simili. Lo scorso settembre è stato sequestrato un quantitativo di marijuana del valore di oltre 150mila euro. Il carico era nascosto nel “doppio fondo” di una vettura proveniente dall'Albania. Nel 2006, i funzionari dell’agenzia delle dogane di Trieste e Bolzano, in collaborazione con la Guardia di Finanza di Trieste, avevano requisito 105 chilogrammi di eroina, nascosta all’interno di un tir proveniente da Istanbul.

 

Il ritorno dell’eroina, soprattutto tra i giovanissimi - Secondo i dati dell'istituto di Fisiologia Clinica del Cnr di Pisa Espad Italia, l'uso di questa droga è raddoppiata tra gli adolescenti tra il 2014 e il 2015. Dallo studio emerge che in questa fascia di età il consumo di eroina raggiunge il secondo posto dopo quello della cannabis. Dei 30 mila studenti italiani tra i 15 e i 19 anni, sul quale è stata condotta l’indagine, circa il 2 per cento ha dichiarato di aver fatto uso di eroina almeno una volta nel mese precedente alla ricerca.

Leggi tutto