Palermo, prete arrestato per violenza sessuale

Foto d'archivio
1' di lettura

Il sacerdote, cappellano dell’ospedale Civico, è accusato di aver molestato due donne e tre minorenni. In manette anche un ufficiale dell'esercito  

Padre Salvatore Anello è stato arrestato dalla polizia giudiziaria con l’accusa di violenza sessuale. Gli agenti lo hanno fermato mentre si trovava nel convento dei Cappuccini della città. Con lui è stato arrestato anche un colonnello dell’esercito: si tratta di Salvatore Muratore, 52 anni, animatore presso la comunità “Rinnovamento dello Spirito Santo” di Palermo. Secondo la pm Giorgia Righi, titolare dell’inchiesta, l’ufficiale avrebbe approfittato di quattro donne e di una minorenne.

 

Le accuse - Il sacerdote, 59 anni, è anche cappellano dell’ospedale Civico: secondo gli inquirenti avrebbe molestato due donne e tre minorenni che si erano rivolti a lui per essere aiutati. Una delle vittime si è rivolta alla polizia, raccontando la sua storia.

 

Insieme al prete, che si diceva esorcista anche se la diocesi non lo aveva mai riconosciuto tale, l'ufficiale dell'esercito diceva di "fare preghiere di guarigione". Le violenze sarebbero avvenute nelle abitazioni delle vittime. Quando qualcuno di loro protestava per gli abusi, il colonnello avrebbe detto a ognuna delle vittime che era il diavolo a farle reagire in questo modo, "io sto solo invocando il demone della lussuria per liberarti".
 

 

Esercito: "Militare sarà sospeso" - L’Esercito italiano ha reso noto che “sono state attivate tutte le procedure per l’immediata sospensione dell’ufficiale dal servizio”. Le Forze Armate hanno anche voluto ribadire “il pieno rigore nel perseguire i comportamenti che, violando la dignità umana, non rispettano i principi e i valori su cui si fonda l’istituzione e screditano tutti i soldati”.

Leggi tutto