Saluto a Dario Fo, il figlio: ora tutti a celebrarlo ma fu censurato

1' di lettura

Camera ardente nel foyer del Piccolo Strehler, i milanesi di tutte le età rendono omaggio al premio Nobel scomparso a 90 anni. Sala: “Ha più dato che ricevuto”. Franceschini: “Ha dato molto e preso molti schiaffi”. Di Maio e Casaleggio: “Era una persona speciale”. Sabato funerale laico in piazza Duomo. FOTO e VIDEO

Ha aperto al pubblico alle 9,45 (e non chiuderà prima di mezzanotte) la camera ardente di Dario Fo, allestita al Piccolo Teatro Strehler (LE FOTO). Niente fiori, tranne la corona di rose bianche e rosse inviata dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Su un cavalletto, dietro la bara chiusa sistemata nel foyer, la foto scelta da familiari e collaboratori: ritrae il Nobel sorridente che con una mano alza il pennello sulla fronte e con l'altra fa un gesto di invito all'autore dello scatto. A fianco, uno sgabello con i pennelli, gli olii, le tempere e uno straccio sporco di colore. Nella sala i gonfaloni della Regione Lombardia, della città metropolitana e del Comune di Milano (TUTTE LE FOTO - I VIDEO).

 

Camera ardente al Piccolo Strehler - I milanesi di ogni età arrivano alla spicciolata a rendere omaggio al premio Nobel che si è spento giovedì 13 ottobre all’età di 90 anni. E oggi, insieme al dolore e alla tristezza c’è anche rabbia di chi lo amato. Come suo figlio, Jacopo Fo, che ricorda: “Facile osannare mio padre ora quando in vita fu invece censurato.

 

 

Sala: ha più dato che ricevuto -  Osservazione, quella di Jacopo Fo, che non lascia indifferente il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, che arrivato alla camera ardente ammette: "Penso che Dario Fo abbia dato più di quanto ha ricevuto da Milano. Non ci sono stati grandi segni di omaggio" in passato, domani "cercheremo di rimediare”.

 

 

Presente anche il M5S - A rendere omaggio all'eterno giullare anche il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini (“Fo ha dato molto e preso molti schiaffi” ha dichiarato) e la 'triade' del Movimento 5 stelle, composta da Luigi Di Maio, Alessandro Di Battista e Davide Casaleggio, che si è fermata a lungo a parlare con Jacopo. Dario. “E’ una persona che ci è stata molto vicina, l'Italia perde un uomo capolavoro", sottolinea Di Maio. "Auguriamo a tutti di fare una vita come la sua", dice Di Battista, convinto che Fo "si starà sganasciando dalle risate", per la retorica di queste ore e per "tutti quelli che hanno tentato di etichettarlo. L'Italia perde un grande". "Era una persona speciale, piena d'arte – ricoda Davide Casaleggio - Era molto vicino a mio padre".

 

Ha lottato fino alla fine - "E' stato presente, lucido e collaborativo fino all'ultimo", ha detto il direttore del reparto di pneumatologia dell'ospedale Sacco: "Ha voluto tenersi aggiornato e informato sui temi di attualità fino agli ultimi istanti della sua vita: si faceva leggere i giornali dai suoi collaboratori perché aveva problemi alla vista. Prima di aggravarsi Fo aveva cantato per ore una cosa incomprensibile": tutte le foto

 

 

 

Salma tumulata al Famedio - Moltissimi i fan che si sono ritrovati in teatro, mentre tra i personaggi dello spettacolo si sono visti tra gli altri Giulia Lazzarini, Paolo Jannacci, figlio di Enzo, e Alessandro Bergonzoni. La salma di Fo sarà tumulata al Famedio, il pantheon delle personalità illustri del cimitero monumentale di Milano, vicino alla moglie Franca Rame. Le immagini dalla camera ardente:

 

 

 

 

 

Leggi tutto