Ventimiglia, migrante investita da tir: cercava di superare confine

Migranti a Ventimiglia (foto d'archivio)
1' di lettura

La ragazza, di origine eritrea, era arrivata da solo un giorno

Si chiamava Milet Tesfamariam la ragazza eritrea investita e uccisa ieri sera da un tir in una galleria dell’autostrada A10, mentre cercava di raggiungere a piedi il confine con la Francia. La 17enne era arrivata giovedì a Ventimiglia dove era stata accolta, insieme a tre sorelle, due fratelli e qualche amico, nella chiesa di Sant'Antonio delle Gianchette.

 

Il sindaco: “Una morte sulla coscienza di tutti” - "Si erano allontanati ieri mattina, dopo aver fatto colazione - racconta don Rito Alvarez, parroco di Sant'Antonio - la scorsa notte ho avuto la conferma che si trattava di questo gruppo quando i fratelli di Milet sono tornati alle Gianchette". Duro il sindaco della città, Enrico Ioculano: “Questa morte è un po' sulla coscienza di tutti e in particolare di quei Paesi che girano le spalle al fenomeno dei migranti”.

Leggi tutto