Omicidio Loris, pm chiede 30 anni per la madre

1' di lettura

La richiesta al termine della requisitoria in cui Veronica Panarello è stata definita "bugiarda e manipolatrice". La donna è accusata di aver ucciso con premeditazione il figlio e di aver occultato il cadavere

Trent'anni di reclusione per omicidio premeditato e occultamento di cadavere. E' la richiesta della Procura di Ragusa per Veronica Panarello accusata di avere ucciso il figlio Loris Stival il 29 novembre 2014. La richiesta è stata formulata al termine della requisitoria davanti al Gup di Ragusa Andrea Reale nel processo che si celebra, a porte chiuse, col rito abbreviato, subordinato alla perizia psichiatrica. Una requisitoria in cui la la donna è stata definita "egocentrica, bugiarda e manipolatrice" a causa di un "protagonismo esagerato". 

 

La requisitoria - Il procuratore Carmelo Petralia e il sostituto Marco Rota hanno ricostruito la personalità dell'imputata e il suo vissuto personale. Ma anche il contesto in cui è maturato il delitto e in particolare il "contrastato rapporto" che avrebbe avuto con il bambino che trattava da amico e non da figlio. Durante l'intervento dei magistrati Veronica Panarello avrebbe ascoltato in silenzio. Il pubblico ministero ha ricostruito il contesto psicologico e sociale in cui è maturato il delitto, quello familiare, il rapporto tra madre e figlio, un legame "distorto" in cui Veronica "non era appieno genitore e Loris non era un figlio". Quella della madre viene descritta una "personalità controversa".

Per la Procura è "plausibile che il movente introdotto da Veronica Panarello" sia stata la presunta relazione extraconiugale che la donna avrebbe avuto con il suocero. Per i magistrati "non è stata comunque la prova di questa relazione e comunque il movente resta ininfluente della richiesta avanzata di condanna a trent'anni di reclusione per l'imputata".

Nella scorsa udienza, in sede di dichiarazioni spontanee, la donna aveva continuato ad accusare dell'omicidio il suocero Andrea Stival. Ma l'accusa non le crede.

 

 

Leggi tutto