Fabrizio Corona potrà scontare la pena residua in affidamento

1' di lettura

La decisione del gip: i restanti 5 anni ai servizi sociali. "Ero preoccupato perché avevo paura di finire di nuovo in cella ed ora mi sono tolto un grande peso", ha detto l'ex 're dei paparazzi'

 

Temeva di dover tornare in carcere Fabrizio Corona e, invece, potrà continuare a scontare il cumulo di pene residuo, poco più di 5 anni, in affidamento in prova ai servizi sociali. E' questo l'effetto pratico della decisione del gip di Milano Ambrogio Moccia che ha riconosciuto all'ex agente fotografico, difeso dai legali Antonella Calcaterra e Ivano Chiesa, la continuazione tra i reati di estorsione, tentata estorsione e bancarotta per i quali è stato condannato in via definitiva. Continuazione concessa anche perché la sua "condizione di tossicodipendenza" ha "contribuito a causare" tutte quelle "condotte delittuose".

 

 

Affidamento in prova - La conseguenza pratica di questa decisione è che l'ex 'fotografo dei vip' dovrà scontare poco più di cinque anni di affidamento in prova ai servizi sociali, otto mesi in più rispetto al precedente calcolo sul cumulo delle pene. Un aumento che tuttavia mantiene la pena residua (4 anni e 5 mesi più gli 8 mesi) sotto i 6 anni e permette a Corona di proseguire con l'affidamento in prova ai servizi sociali. 

 


A luglio, vacanza a Capri non autorizzata -
 "Ero preoccupato perché avevo paura di finire di nuovo in cella ed ora mi sono tolto un grande peso", ha detto l'ex 're dei paparazzi' ai suoi legali dopo essere stato informato della decisione del gip.

Nel suo percorso di riabilitazione, però, Corona dovrà rigare dritto se non vorrà rischiare un'altra volta di rientrare dietro le sbarre. Lo scorso luglio, infatti, è stato 'ammonito' dal giudice del Tribunale di Sorveglianza Giovanna De Rosa per una vacanza a Capri non autorizzata, con tanto di foto hot su uno yacht pubblicate su riviste di gossip. Tanto che lo stesso giudice ha stabilito una restrizione sulle prescrizioni dell'affidamento, compreso il divieto di allontanarsi dalla Lombardia.

   

Leggi tutto