1' di lettura

Il camion ha colpito la vettura mentre era ferma al casello. A bordo una famiglia: uccisi i due genitori, mentre i figli sono rimasti feriti. L'autista fermato dopo 40 chilometri

Tragedia sulla A4, all'altezza di Rondissone in provincia di Torino. Un tir è piombato contro un'automobile ferma al casello per ritirare il biglietto di ingresso trascinandola per 200 metri. A bordo una famiglia di origini marocchine di cinque persone. I due genitori sono rimasti uccisi sul colpo, mentre i tre figli, una neonata, uno di tre anni e una bimba di 5 - sono stati trasportati dal 118 all'ospedale infantile Regina Margherita di Torino. I due più grandi non sarebbero in pericolo di vita, mentre preoccupano le condizioni della più piccola, di soli 18 mesi. Ferito, ma in modo non grave, anche il conducente di una seconda vettura travolta dal camion.

 

Il camion aveva già provocato un incidente - L'autista del tir, un cittadino slovacco, non si è fermato sul luogo dell'incidente ed è fuggito. Dopo una quarantina di chilometri è stato rintracciato e fermato dalla polizia stradale di Novara. Quando è stato bloccato dagli agenti è apparso in stato confusionale. Secondo la polizia stradale, intervenuta sul posto, prima di travolgere l'auto il tir aveva già provocato un altro incidente alla Falchera, quartiere alla periferia di Torino. Il camion ha fermato la sua folle corsa a Villarboit (Vercelli) dopo aver provocato un terzo incidente. 

 

Leggi tutto