Sisma, trovato un altro cadavere. Errani: chiudere presto le tendopoli

1' di lettura

La vittima sotto le macerie di Casale. Il commissario per la ricostruzione ha assicurato che la priorità è la messa in sicurezza dei centri. Miur: “Nessun docente sfollato sarà trasferito”. Transennato ad Ascoli Piceno il Palazzo dei Capitani del Popolo. (SPECIALE - FOTO - VIDEO - MAPPA INTERATTIVA)

A più di una settimana dal terremoto (SPECIALE - FOTO - VIDEO), continua a crescere il bilancio delle vittime: i vigili del fuoco hanno individuato il cadavere di una persona sepolta sotto le macerie di Casale, una piccola frazione a poca distanza da Amatrice. Il corpo è stato individuato dal nucleo Usar (Urban serch and rescue) del Lazio in un'abitazione. Le vittime del sisma salgono dunque a 295. 

 

Errani: "Impegno primario chiudere tendopoli" - Intanto il commissario per la ricostruzione Vasco Errani parlando a Norcia, ha confermato che l'impegno "primario" dopo il terremoto  è la messa in sicurezza dei centri "e di chiudere prima possibile" le tendopoli. 

Persone che - ha aggiunto Errani - "ora attendono risposte".  Il commissario per la ricostruzione ha spiegato che, in attesa della installazione delle "casette", d'intesa con i sindaci e con gli stessi cittadini, "cercheremo soluzioni alternative, a partire dalla autonoma sistemazione. Questo per offrire alle persone un ricovero confortevole e adeguato per affrontare la stagione più fredda che qui non tarderà ad arrivare".

 

"Niente da ridere con vignetta Charlie Hebdo" - Errani interviene poi sulla vignetta pubblicata sull'ultimo numero di Charlie Hebdo dedicata al terremoto in Italia, che sta scatenando accese polemiche. "E' una vignetta in cui non trovo niente da ridere. Io sto vivendo questa situazione con la popolazione e sono certo che i cittadini che stanno vivendo questa tragedia non trovino niente da dire e da ridere come me. La satira è la satira, sarebbe bene non arrivare fino a qua".

 

Miur: nessun docente sfollato sarà trasferito - Intanto, dopo l'annuncio della sospensione delle tasse fino al 20 dicembre, il Miur informa che nessun docente sfollato verrà trasferito. Un’ordinanza urgente firmata dal ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, dopo la due giorni di visite nell'area colpita dal sisma, prevede che nessun docente, educatore o componente del personale Ata residente in edifici crollati, inagibili o indisponibili a causa del terremoto del 24 agosto dovrà trasferirsi per insegnare altrove. Il Ministro il 30 agosto ha insediato a Rieti la task force del Miur per il coordinamento delle azioni necessarie per l'avvio dell'anno scolastico, visitando i comuni di Amatrice, Acquasanta Terme e Arquata del Tronto e incontrando i dirigenti scolastici dei territori del cratere sismico. L'ordinanza firmata oggi consente ai docenti che dovevano trasferirsi di presentare domanda di utilizzazione, entro l'8 settembre, per essere assegnati a una scuola del loro territorio. Nel frattempo non dovranno prendere servizio altrove.

 

 

Transennato ad Ascoli Palazzo del Popolo -Nei luoghi colpiti dal sisma del 24 agosto continua senza sosta il lavoro dei vigili del fuoco. Oggi, dopo un sopralluogo, è stato transennato il Palazzo dei Capitani del Popolo, edificio simbolo di Ascoli Piceno, risalente al 13mo secolo e modificato nel 1520 da Cola dell'Amatrice. I vigili del fuoco hanno riscontrato criticità nella Torre dell'orologio. Il palazzo, che si affaccia su piazza del Popolo, accanto allo storico Caffè Meletti, ospita la Sala della Ragione, dove si riunisce il Consiglio comunale. Nel sottosuolo, ci sono scavi archeologici.

 

La Procura di Rieti indaga sulle ristrutturazioni

 

 

Data ultima modifica 02 settembre 2016 ore 22:15

Leggi tutto