Terremoto, niente tasse fino al 20 dicembre in 17 Comuni

1' di lettura

La sospensione riguarda i singoli cittadini ma anche imprenditori, società ed enti che sono residenti o operano nei paesi colpiti dal sisma che ha interessato il Centro Italia - SPECIALE - FOTO - VIDEO

Niente tasse fin quasi a Natale per gli abitanti dei 17 Comuni colpiti dal terremoto che ha devastato il Centro Italia (SPECIALE - FOTO - VIDEO). Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan ha firmato l'annunciato decreto per la sospensione fino al 20 dicembre dei pagamenti delle imposte e di tutti gli altri adempimenti tributari, comprese le cartelle esattoriali, emesse, indica il Mef, "dagli agenti della riscossione e quelli conseguenti ad accertamenti esecutivi".

 

Stop fino a dicembre - La scadenza è fissata a dicembre per ragioni tecniche: un decreto ministeriale non può superare l'anno senza una copertura prevista in Bilancio, ma non è escluso che il governo valuti di intervenire successivamente con una proroga come già accaduto in passato. La sospensione riguarda, come precisa il ministero, "tutti i contribuenti", i singoli cittadini ma anche imprenditori, società ed enti che sono residenti o operano nei comuni colpiti dal terremoto che ha interessato il Centro Italia.

 

 

Si guarda alla ricostruzione - Il commissario dalla ricostruzione Vasco Errani intanto promette identità dei territori, massima trasparenza sull'utilizzo dei fondi e rispetto delle regole sugli appalti. Proseguono le scosse, se ne sono registrate oltre 3400 sino a ora. Sembrano però attenuarsi: stanotte la più forte è stata di magnitudo 2.9.

 

Leggi tutto