Fertility Day, polemiche sui social per la campagna del ministero

1' di lettura

Il ministro lancia la giornata del 22 settembre per sensibilizzare i cittadini sul tema della fertilità. Pioggia di critiche su Twitter e Facebook. Anche Saviano contro la campagna del governo. La replica: modificheremo le cartoline che hanno fatto più scalpore

Si chiama “Fertility Day” ed è l'iniziativa del ministero della Salute per sensibilizzare l'opinione pubblica “sul tema della fertilità e della sua protezione”. Una giornata, fissata per il 22 settembre e con iniziative in varie città, per provare a invertire la tendenza degli ultimi dati Istat che vedono diminuire le nascite tra la popolazione italiana. Così, il ministero della Salute ha lanciato un sito internet e una campagna social (c'è anche un gioco, il “fertility game”). Una mossa che, almeno per il momento non si è rivelata vincente sul piano della comunicazione. Su Twitter e Facebook è partita infatti una dura polemica, tra critiche e prese in giro, che ha portato l'hashtag #fertilityday a diventare trending topic nella giornata del 31 agosto. E che ha portato il governo, il giorno dopo, a un parziale dietrofront con l'annuncio che la campagna verrà parzialmente modificata.

 

Alcune delle "cartoline" sul Fertility Day

 

 

Ad attaccare il ministro Lorenzin c'è anche Roberto Saviano che sulla sua pagina Facebook ribatte punto su punto alla campagna del governo.

 

 

 

Su Twitter sono in tanti a sottolineare le difficoltà delle donne sul posto di lavoro

 

 

 

Non manca poi chi affronta il tema con ironia

 

Ma tra le critiche c'è anche qualcuno, come questo utente (che si presenta come promotore del Family Day), che invita alla prudenza.

 

 

Il ministro Lorenzin ha annunciato che verranno modificate le due cartoline che hanno fatto più scalpore, quella della clessidra e quella che dice 'datti una mossa'. Tutte confermate però le iniziative del 22 settembre a Roma, Padova, Bologna e Catania. Con tavole rotonde e con l'allestimento dei “Villaggi della Fertilità”, cioè “una serie di gazebo nei quali esperti, associazioni, società scientifiche, offrono alla popolazione consigli e screening”. Non è da escludere così che da Twitter, le proteste si possano spostare nelle piazze teatro dell'iniziative.

Data ultima modifica 01 settembre 2016 ore 18:33

Leggi tutto