Arquata, anche i richiedenti asilo tra i volontari che aiutano

1' di lettura

Accanto ai soccorritori della Protezione civile c'è anche un gruppo di 20 persone ospiti di una struttura di accoglienza per profughi nelle Marche. "Vogliamo aiutare i nostri fratelli italiani" è la loro richiesta. LIVEBLOG - FOTO -  VIDEO

Tra i tanti volontari impegnati nei territori colpiti dal sisma c’è anche un gruppo di richiedenti asilo. Ad Arquata circa 20 giovani  ospiti di una struttura gestita dal Gus (Gruppo Umano di solidarietà), sono al lavoro sul campo accanto alla Protezione civile. (TUTTE LE FOTO DEL SISMA NEL CENTRO ITALIA)

 

"Vogliamo aiutare i nostri fratelli italiani"- La coordinatrice ha spiegato a Sky TG24 che si tratta di persone beneficiarie di un progetto di prima accoglienza per richiedenti protezione internazionale in provincia di Ascoli. “Tutto nasce da una loro richiesta, molti di loro non avevano idea di cosa fosse un terremoto. Ci hanno detto ‘ vogliamo dare una mano ai nostri fratelli italiani’”.

 

Così i ragazzi, quasi tutti nordafricani o provenienti dall’Africa sub-sahariana, stanno aiutando ad allestire la tendopoli di Arquata del Tronto e hanno ripulito il campo permettendo l’atterraggio degli elicotteri. “E’ la prima volta che sento il terremoto”, ha spiegato  uno di loro ai microfoni di Sky TG24, “Vogliamo aiutare”. (GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE)

 

Solidarietà anche dalla Calabria - Dalla Calabria arriva un’altra storia di solidarietà che riguarda richiedenti asilo. I beneficiari del progetto Sprar di Gioiosa Ionica, gestito dalla Rete dei Comuni Solidali e che ospita 75 persone, hanno chiesto di rinunciare al “pocket money”,  la piccola somma che gli viene garantita per la spese personali , per destinarla ai terremotati.

 

"Stiamo cercando di capire - ha detto un responsabile - come aiutarli a fare il versamento e a chi, ma vorremmo sottolineare questo piccolo ma rilevante gesto di aiuto tra popoli, da parte di chi si è sentito accolto in Italia e vuole in qualche modo ricambiare la solidarietà'". (TUTTI I VIDEO)

Leggi tutto