Modena, cadavere di donna in un frigorifero: confessa l'ex convivente

(Foto d'archivio)
1' di lettura

L'uomo l'avrebbe strangolata dopo un litigio. La vittima l'aveva già denunciato per maltrattamenti

Ha ucciso la compagna e ha nascosto il corpo nel frigorifero di una cantina. E’ accaduto a Modena dove Armando Canò, 50 anni, dopo l’ennesimo litigio avrebbe strangolato Betta Fella, 55 anni, per poi nascondere il cadavere nell’edificio dove viveva la donna.

 

La chiamata dei vicini - A scoprire il corpo sono stati i vigili del fuoco, allertati dai vicini a causa di un odore acre nell’edificio: arrivati a perlustrare le cantine, quando hanno aperto quella di proprietà della vittima hanno trovato il frigo aperto e rovesciato.

 

Fermato a casa di un amico - Armando Canò è stato raggiunto dalla polizia a casa di un conoscente ed è stato trovato in possesso delle chiavi della casa dell'ex compagna e della cantina dove è stato ritrovato il corpo, inoltre i condomini della vittima l’hanno riconosciuto come la persona che l'aveva frequentata negli ultimi mesi.

 

I precedenti e le denunce - Il 50enne, che aveva alcuni precedenti ed era già stato denunciato per maltrattamenti dalla ex compagna, durante l’interrogatorio ha confessato e si trova in carcere con le accuse di omicidio e occultamento di cadavere.

Leggi tutto