Donna incinta grave dopo aver bevuto una bibita. Fermato il compagno

In una foto di archivio una sala operatoria dell'ospedale Maggiore di Bologna
1' di lettura

L’uomo avrebbe ammesso di aver versato una sostanza tossica nella bottiglia. Lei, 34 anni, è ricoverata in gravi condizioni all’ospedale Maggiore di Bologna

Avrebbe fatto bere alla compagna incinta una bibita dopo aver versato nella bottiglia di plastica una sostanza irritante, probabilmente soda caustica, forse con l'intenzione di farla abortire. Questa l'accusa che ha portato ad un decreto di fermo per il reato di lesioni gravissime di un 35enne a Bologna.
La donna, 34 anni, prossima al parto, è ricoverata in gravi condizioni da martedì sera all'ospedale Maggiore di Bologna, nel reparto di Rianimazione. L'intossicazione non avrebbe avuto ripercussioni sulla salute del feto. E' da verificare, anche per valutare il movente, forse legato alla gravidanza, se abbia malformazioni.

 

Gli investigatori si sono concentrati su alcune contraddizioni evidenziate dal racconto del compagno, sentito a lungo insieme ad altre persone, per ricostruire il contesto familiare. In giornata, dopo iniziali reticenze, il 35enne avrebbe ammesso di essere stato lui a versare la sostanza nella bottiglia di plastica, poi bevuta dalla donna. La donna non sarebbe comunque in pericolo di vita.

Leggi tutto