Roma, uccide a bottigliate il gestore di un locale: arrestato tassista

1' di lettura

Il presunto aggressore, 33enne di origini brasiliane, è stato fermato dai carabinieri nella notte

Un uomo di 76 anni è morto dopo essere stato aggredito la scorsa notte con una bottiglia rotta nel suo locale di via Premuda in zona Prati-Trionfale a Roma.  La vittima, deceduta dopo qualche ora di agonia in ospedale, è stata colpita alla testa e al collo. I carabinieri della compagnia Trionfale hanno arrestato il presunto responsabile, un tassista 33enne di origini brasiliane. Lo hanno bloccato nella notte a bordo del suo taxi e sarebbe stato ubriaco. L'uomo ha anche investito uno dei militari intervenuti, che ha riportato una prognosi di sette giorni.


Alla base dello scontro potrebbe esserci una lite pregressa o una discussione nata perché il gestore si è rifiutato di servire alcolici al cliente ubriaco. Sono alcune delle ipotesi al vaglio degli inquirenti. Secondo quanto si è appreso, in quel momento nel locale non c'erano testimoni. A dare l'allarme alcuni abitanti che hanno sentito le urla. L'anziano, ricoverato in ospedale gravissime condizioni, prima di morire ha dato alcune informazioni che hanno permesso ai militari di bloccare il presunto responsabile. A quanto riferito, l'uomo era ubriaco e ancora sporco di sangue.

Data ultima modifica 24 maggio 2016 ore 16:46

Leggi tutto
Prossimo articolo