Bari, maestre arrestate per maltrattamenti non rispondono al gip

1' di lettura

Una delle due insegnanti ai domiciliari sarebbe stata vittima di minacce e insulti sotto la propria abitazione

Si sono avvalse della facoltà di non rispondere le due maestre di Bari arrestate il 12 maggio scorso per maltrattamenti sui bambini di un asilo. Le donne, assistite dagli avvocati Amalia Montesano e Giuseppe Buquicchio, sono ai domiciliari con l'accusa di aver maltrattato i piccoli alunni con "schiaffi, colpi sferrati su tutto il corpo, strattonamenti, pedate, calci, forti scossoni sugli arti superiori, trascinamenti lungo il pavimento, colpi dietro la nuca e torture psicologiche, seguite da urla, minacce e gravi ingiurie". Da fonti vicine alla difesa si apprende che dopo l'arresto una delle due donne è stata vittima di minacce e insulti sotto la propria abitazione.

 

Durante l'interrogatorio di garanzia, alla presenza del pm che coordina le indagini Simona Filoni, le due maestre hanno scelto di non rispondere alle domande del gip, Francesco Pellecchia. I legali si sono però riservati, dopo aver avuto accesso agli atti e visionato i filmati, di depositare una memoria difensiva.

Leggi tutto