Inchiesta Lodi, concessi i domiciliari al sindaco Uggetti

1' di lettura

Stessa misura anche per l'avvocato Marini

Il gip del tribunale di Lodi si è espresso in maniera positiva riguardo alla concessione degli arresti domiciliari al sindaco di Lodi Simone Uggetti e all'avvocato Cristiano Marini, arrestati la scorsa settimana.

 

Uggetti, sindaco di Lodi eletto con il Pd e che si è autosospeso dal partito, era finito in carcere a San Vittore dieci giorni fa, lo scorso 3 maggio, con l'accusa di avere pilotato un appalto per affidare la gestione di due piscine pubbliche scoperte nella cittadina lombarda. Con lui era stato arrestato anche l'avvocato Cristiano Marini che svolgeva un ruolo amministrativo nella Sporting Lodi, società che si è aggiudicata la gara.

 

In particolare, il sindaco e l'avvocato erano finiti in carcere per il pericolo di inquinamento probatorio perché, secondo le indagini, avrebbero tentato di fare sparire alcuni dati dai computer e di carpire informazioni sulle indagini. Una precedente istanza di scarcerazione avanzata dalla difesa del sindaco lo scorso 6 maggio era stata respinta perché, secondo il gip Isabella Ciriaco, sussistevano ancora le esigenze cautelari. Lo scorso 9 maggio, però, sia Uggetti che Marini in interrogatori davanti al pm di Lodi Laura Siani hanno collaborato alle indagini e reso anche ammissioni. Da qui, le richieste di scarcerazione che sono state accolte oggi dal gip che ha disposto gli arresti domiciliari.

Leggi tutto