Hakim Nasiri, rilasciato a Bari: “Non sono un terrorista”

1' di lettura

Il 23enne è stato scarcerato dopo due giorni. Per il giudice non c'era alcuna cellula jihadista, ma solo alcuni trafficanti di immigrati clandestini

“Non sono un terrorista, se fossi un terrorista non sarei qui. Sono un pover’uomo e voglio solo lavorare”. Lo ha detto a Sky TG24 HD Hakim Nasiri, l’afghano arrestato per terrorismo internazionale e poi rilasciato dopo due giorni di carcere. “Rispetto l’Italia – ha spiegato - Sto aspettando il permesso di soggiorno da cinque anni, da quando sono qui. Sono venuto qui per il permesso di soggiorno, tutti mi conoscono”.

 

Il 23enne, fermato tre giorni fa con l’accusa di associazione finalizzata al terrorismo internazionale di matrice islamica, è stato rilasciato ieri perché secondo il giudice non sussistono i gravi indizi di colpevolezza. Viene così meno il presupposto su cui di basava l’inchiesta della Dda, che sospettava una presunta una cellula terroristica pronta a colpire in Italia e in Europa. Per il giudice anche le foto di alcuni luoghi simbolo, come il Colosseo, sono da considerarsi solo immagini turistiche e non rappresentazioni di potenziali obiettivi. Restano invece in carcere invece gli altri due fermati a Bari, accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Leggi tutto