Bancarotta: assolto Roberto Mancini. Pm aveva chiesto 3 anni e mezzo

1' di lettura

La decisione nell'ambito del processo con rito abbreviato legato al crac finanziario della società Img Costruzioni

Roberto Mancini, l'allenatore dell'Inter, è stato assolto dall'accusa di bancarotta fraudolenta dal gup di Roma Paola Della Monica con la formula "perché il fatto non costituisce reato". La decisione nell'ambito del processo con rito abbreviato legato al crac finanziario della società Img Costruzioni.

 

Pm aveva chiesto tre anni e mezzo - La Procura di Roma aveva chiesto una condanna a tre anni e mezzo di reclusione. Nel procedimento è coinvolto anche l'imprenditore Marco Mezzaroma per il quale la Procura ha invece sollecitato il rinvio a giudizio non avendo quest'ultimo optato per un rito alternativo. 

Leggi tutto