Terrorismo, allarme degli 007: in Europa rischio attentati come Parigi

1' di lettura

Per i servizi segreti del nostro Paese, l'Italia  "è sempre più esposta alla minaccia jihadista". E ancora: "Possibili infiltrazioni di terroristi dai Balcani"

Possibili nuovi attacchi come quelli di Parigi, rischio di infiltrazioni di terroristi dai Balcani, Italia sempre più esposta alla minaccia jihadista.

E' quanto rileva la relazione annuale dell'intelligence inviata al Parlamento, sottolineando come nella propaganda jihadista non siano mancati i riferimenti all'Italia come nemico per i suoi rapporti con Usa e Israele e per il suo impegno contro il terrorismo.

Italia target privilegiato  - Nella valutazione del comparto sicurezza si legge come il nostro Paese sia "target potenzialmente privilegiato sotto un profilo politico e simbolico/religioso, anche in relazione alla congiuntura del Giubileo straordinario; terreno di coltura di nuove generazioni di aspiranti mujahidin, che vivono nel mito del ritorno al califfato e che, aderendo alla campagna offensiva promossa da Daesh, potrebbero decidere di agire entro i nostri confini".


Possibili nuovi attacchi in Europa - Gli 007 rivelano inoltre come sia “da ritenere elevato il rischio di nuove azioni in territorio europeo" da parte del terrorismo jihadista. Parigi, evidenzia la relazione, "ha verosimilmente inaugurato una strategia di attacco all'Occidente destinata a consolidarsi". I rischi arrivano sia da emissari dello Stato Islamico inviati ad hoc, inclusi foreign fighters addestrati in teatri di guerra, che da militanti già presenti e integrati-mimetizzati in Europa.

 

"Rischio infiltrazioni terroristi dai Balcani" - Nessun riscontro di infiltrazioni terroristiche nei flussi migratori dal Nordafrica, mentre il rischio "si presenta più concreto" lungo la rotta balcanica, indica inoltre la relazione evidenziando come la regione balcanica sia zona di transito privilegiato di foreign fighters (oltre 900 sono partiti da lì per i teatri di guerra), nonché area di "realtà oltranziste consolidate".

Leggi tutto