Coppia dell'acido, una vittima: ancora oggi ho paura quando sono solo

1' di lettura

A Sky TG24 parla Antonio Margarito, il giovane che subì un tentativo di evirazione da parte di Martina Levato: "Mi chiese di chiudere gli occhi e poi tirò fuori il coltello". Di lei dice: "Sembrava una persona piacevole, ora la vedo fredda e cattiva". L'intervista

“E’ stato un periodo buio. Tendo ancora oggi a guardarmi intorno. Oggi ho paura quando sono solo”.  Così Antonio Margarito, una delle vittime di Martina Levato, si confessa a Sky TG24. Poi, racconta la serata in cui subì un tentativo di evirazione da parte della ragazza. E di lei: “Era una persona solare e piacevole. Ora in tribunale ho visto una persona fredda”.

 

La sentenza nei confronti di Martina Levato, la ex studentessa bocconiana accusata insieme al compagno Alexander Boettcher di una serie di aggressioni con l'acido ai danni di alcuni giovani con i quali aveva avuto relazioni intime, e di Andrea Magnani, presunto complice della coppia, è attesa a gennaio, probabilmente il 13. Lo ha fatto sapere il gup Roberto Arnaldi, prima dell'inizio dell'udienza di oggi. Udienza in cui la difesa della ex studentessa ha chiesto al gup che alla giovane non sia  "inflitta una pena sproporzionata solo perché è lei e al termine di un processo sommario, soprattutto per colpa della fretta della Procura".

 

Levato in questo processo è reo confessa per un solo episodio, la tentata aggressione ai danni di Giuliano Carparelli, ed è già stata condannata a 14 anni assieme ad Alex per il blitz contro Pietro Barbini. Il pm Marcello Musso, nel giudizio abbreviato, ha chiesto 20 anni per Martina e 14 anni per Magnani.

 


 

Leggi tutto