Cucchi, Cassazione: nuovo processo per i medici, assolti gli agenti

1' di lettura

I giudici hanno disposto un appello-bis per omicidio colposo nei confronti dei dottori della struttura protetta dell'ospedale Pertini di Roma. Definitivamente assolti tre agenti della polizia penitenziaria, tre infermieri e un sesto medico

 

Per la morte di Stefano Cucchi, arrestato il 15 ottobre 2009 e deceduto dopo una settimana all'ospedale Pertini di Roma, la Cassazione ha annullato l'assoluzione di 5 medici, disponendo un appello-bis per omicidio colposo. Definitivamente assolti invece tre agenti della polizia penitenziaria, tre infermieri del 'Pertini' e un sesto medico.

Questo il verdetto emesso dalla Quinta sezione penale della Cassazione, che sostanzialmente accoglie la richiesta del Procuratore Generale della Cassazione Nello Rossi.   

 

Cassazione annulla assoluzioni medici -  I giudici della Suprema Corte, dopo circa cinque ore di camera di consiglio, hanno dunque parzialmente accolto il ricorso presentato dalla Procura generale di Roma contro la sentenza emessa dalla Corte d'Assise d'Appello della Capitale il 31 ottobre dello scorso anno.  

Subiranno un nuovo processo d'appello il primario Aldo Fierro, i medici Stefania Corbi, Flaminia Bruno, Luigi De Marchis Preipe e Silvia Di Carlo.

 

Assoluzioni - Diventano invece definitive le assoluzioni degli agenti di polizia penitenziaria Nicola Minichini, Corrado Santantonio e Antonio Domenici, del medico Rosita Caponetti e degli infermieri Giuseppe Flauto, Elvira Martelli e Domenico Pepe.

Non erano in aula al momento della lettura del verdetto i familiari di Stefano Cucchi, che hanno però assistito all’udienza.

Data ultima modifica 15 dicembre 2015 ore 22:27

Leggi tutto