Mafia Capitale, al via il processo: 46 gli imputati

1' di lettura

Finita la prima delle oltre 130 udienze previste per il caso che ha travolto il Campidoglio. Migliaia le intercettazioni. "Carminati parlerà", dice il suo avvocato. E precisa: "Non ha rivelazioni da fare". Legale di Odevaine: "Ha ammesso le sue responsabilità". Quello di Buzzi: "Non è un mafioso, questa è Bufala Capitale". Chiesto rinvio a giudizio per Alemanno

Quarantasei imputati, 60 avvocati, 130 udienze, migliaia di intercettazioni e centinaia di documenti depositati: questi i numeri del maxiprocesso Mafia Capitale che ha preso il via a Roma. Alla fine della prima udienza, il processo è stato aggiornato al 17 novembre e da quella data in poi si terrà non più nell’aula Occorsio del Tribunale di Roma ma nel bunker di Rebibbia. Sono previste circa 4 udienze a settimana fino a luglio. Il 17 novembre i giudici dovranno vagliare anche le richieste di circa 150 soggetti, tra cui il Comune, che si sono costituiti parte civile.

"Carminati parlerà" - "Massimo Carminati in questo processo parlerà, è intenzionato a difendersi in modo diverso dal solito perché vuole chiarire un sacco di cose e lo farà", ha annunciato prima dell'udienza l'avvocato Giosuè Naso, difensore dell'ex terrorista che secondo la Procura di Roma sarebbe a capo del clan di Mafia Capitale. "Non ha rivelazioni da fare", sottolinea il legale, aggiungendo che "questo è un processetto dopato dai media" (video). Per il legale di Salvatore Buzzi, invece, "la mafia a Roma non esiste" (video) e "lui non è un mafioso, questa è Bufala Capitale" (video). Il legale di Odevaine ha detto che il suo assistito ha ammesso le sue responsabilità e ha scelto di collaborare con i magistrati (video).

Buzzi e Carminati in collegamento - Alcuni degli imputati, tra cui Carminati, sono in video-collegamento. I legali di Salvatore Buzzi, Riccardo Brugia e Franco Testa avevano chiesto di poter avere i propri assistiti in aula, ma il tribunale ha respinto le istanze: i tre imputati continueranno a seguire il processo in videoconferenza e, altra richiesta respinta, non saranno trasferiti a Rebibbia.

Chiesto processo per ex sindaco Alemanno -
La procura di Roma, poi, ha chiesto il rinvio a giudizio per Gianni Alemanno. Le accuse contestate sono la corruzione e l'illecito finanziamento. "La notizia più importante è che ogni accusa e ogni aggravante connessa all'associazione mafiosa nei miei confronti è completamente caduta", ha detto l'ex sindaco. Il gup Nicola Di Grazia si pronuncerà sulla richiesta dei pm di piazzale Clodio l'11 dicembre prossimo.

 

LA CRONACA DELLA GIORNATA

 

 

Leggi tutto
Prossimo articolo