Così è morto il muratore ucraino che ha cercato di sventare la rapina

1' di lettura

I carabinieri di Napoli hanno diffuso le immagini di quanto è accaduto lo scorso agosto in un supermarket di Castello di Cisterna, quando Anatoliy Korol ha perso la vita tentando di bloccare 2 banditi. Per l'omicidio sono stati arrestati 2 complici dei presunti assassini

Il coraggio di Anatoliy Korol, il muratore ucraino morto mentre cercava di sventare una rapina a Castello di Cisterna, è stato ripreso dalle telecamere di sorveglianza del supermarket. I carabinieri di Napoli hanno diffuso le immagini che testimoniano il gesto eroico del 38enne. L’uomo, lo scorso fine agosto, rientrò nel negozio in cui aveva appena fatto la spesa, lasciando la figlioletta fuori nel carrello, per tentare di fermare i due banditi. Nel video si vede la colluttazione che portò alla morte del muratore.

Arrestate 4 persone - Per l’omicidio di Anatoliy Korol sono stati arrestati oggi i due complici dei presunti assassini. I carabinieri hanno dato esecuzione a misure cautelari nei confronti di Emiliano Esposito, 40enne, e Mario Ischero, 48enne: avrebbero fornito armi e scooter e avrebbero fatto da basisti. Lo scorso 5 settembre erano già finiti in carcere i due presunti banditi-killer: il 20enne Gianluca Ianuale e il fratellastro Marco Di Lorenzo, 32 anni, entrambi figli del boss locale Vincenzo Ianuale.
Il 29 settembre, a un mese esatto dall’omicidio, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito al muratore eroe la medaglia d'oro al valor civile.

Leggi tutto