Brescia, imprenditore sparito: ritrovato morto l'operaio

1' di lettura

Il corpo di Giuseppe Ghirardini, il 50enne di cui si erano perse le tracce mercoledì, è stato rinvenuto, senza evidenti segni di violenza, sulle rive di un torrente, in una zona poco distante da dove era stata trovata l'auto. Il sindaco: forse un malore. Ancora nessuna traccia del suo datore di lavoro, Mario Bozzoli, sparito la sera dell'8 ottobre da Marcheno

Si infittisce il giallo di Marcheno, il comune del Bresciano dove ormai da giorni andavano avanti le ricerche di due uomini, di cui si erano perse le tracce. Nel pomeriggio di domenica è stato trovato senza vita il corpo di uno dei due. Si tratta di Giuseppe Ghirardini, l'operaio bresciano di 50 anni scomparso da mercoledì. Il cadavere è stato trovato sulle rive di un torrente nella zona poco distante da dove mercoledì pomeriggio era stata ritrovata la sua auto, a Ponte di Legno. Sul corpo non sarebbero presenti evidenti segni di violenza e il sindaco di Marcheno, Diego Bertussi, ha avanzato l'ipotesi che possa essere morto per un malore.

Ancora nessuna traccia invece del suo datore di lavoro, l'imprenditore Mario Bozzoli sparito nel nulla da giovedì 8 ottobre. Bozzoli, socio al 50% dell'azienda insieme al fratello, la sera dell’8 ottobre, dopo aver finito di lavorare sarebbe dovuto tornare a casa a Marcheno, dove lo aspettava la moglie. Ma a casa non è mai arrivato. L'uomo è scomparso attorno alle 19, probabilmente nel piccolo tratto di strada che separa il suo ufficio dallo spogliatoio dell'azienda.
 

Data ultima modifica 18 ottobre 2015 ore 22:30

Leggi tutto