Insegnanti precari, Papa: "Si tenga conto delle esigenze delle famiglie"

1' di lettura

Il Pontefice saluta i docenti sardi arrivati ad ascoltare l'Angelus, dopo le polemiche per l'assegnazione di cattedre lontane dal luogo di residenza dei neo-incaricati. Lunedì per quasi 9 milioni di ragazzi inizia l'anno scolastico

"Auspico che i problemi del mondo del lavoro siano affrontati tenendo concretamente conto della famiglia e delle sue esigenze". E' quanto ha detto Papa Francesco salutando e incoraggiando "gli insegnanti precari venuti dalla Sardegna" per partecipare all'Angelus di piazza San Pietro.

Nelle ore scorse, dopo le polemiche legate a incarichi distanti dal luogo di residenza degli insegnanti, il Ministero aveva diffuso i dati sul piano straordinario di assunzioni previsto dalla Buona Scuola. Oltre 8mila posti sono stati assegnati e solo 244 precari hanno detto no al posto fisso: 52 hanno esplicitamente rinunciato e 192 non hanno risposto.

 

Anno scolastico al via - Lunedì inizia l'anno scolastico per quasi nove milioni di studenti. Quest'anno sono infatti 7.861.925 i ragazzi iscritti nella scuola statale, oltre 960.000 quelli delle paritarie. Nella scuola statale sono più di 1 milione gli alunni dell'infanzia, 2 milioni 583.514 quelli della scuola primaria, 1 milione 649.408 gli studenti della secondaria di I grado e 2 milioni 628.648 quelli della secondaria di II grado. Oltre 216.000 gli alunni con disabilità. Complessivamente, le classi saranno 369.902 distribuite in 8.384 istituzioni scolastiche.
Fra le regioni con più alunni, la Lombardia (1 milione 185.662), seguita da Campania (920.964), Sicilia (763.529), Lazio (741.633).  

 

 

Leggi tutto