Omicidio in villa nel Catanese, confessa la moglie della vittima

1' di lettura

Svolta nelle indagini sull'uccisione di Alfio Longo, l’ex elettricista 64enne trovato morto giovedì mattina nella sua casa di Biancavilla. La donna ha rivelato di aver inscenato una rapina per depistare gli investigatori. "Era violento ed ero stanca di subire", si sarebbe giustificata

Svolta nell’omicidio di Alfio Longo, l'ex elettricista 64enne trovato morto giovedì mattina nella sua villa di Biancavilla nel Catanese. Nella notte tra giovedì e venerdì la moglie ha confessato il delitto rivelando di aver inscenato una rapina per depistare le indagini. La vittima era stata trovata uccisa con grosse ferite alla testa.

 

“Era violento ed ero stanca di subire”, si sarebbe giustificata la donna davanti ai carabinieri. Nella sua prima versione aveva raccontato di una rapina all’interno della loro villa ma nel suo racconto gli investigatori avevano individuato sin da subito alcune anomalie. Tra queste il dettaglio secondo cui la vittima avrebbe gridato ai rapinatori “vi ho riconosciuti” prima di essere ucciso.

Leggi tutto