Papa: il lavoro non sia ostaggio della logica del solo profitto

1' di lettura

"Causare perdita di impiego significa causare un grave danno sociale", dice il Pontefice nella consueta udienza generale del mercoledì. E aggiunge: "La gestione dell'occupazione è una grande responsabilità umana e sociale che non può essere lasciata nelle mani di pochi"

"Quando il lavoro si distacca dall'alleanza di Dio con l'uomo e la donna, quando si separa dalle loro qualità spirituali, quando è in ostaggio della logica del solo profitto e disprezza gli affetti della vita, l'avvilimento dell'anima contamina tutto: anche l'aria, l'acqua, l'erba, il cibo..." E' quanto dice Papa Francesco, nella consueta udienza generale del mercoledì, tornando sul tema dell'occupazione e spiegando come le conseguenze peggiori "colpiscono soprattutto i più poveri e le famiglie più povere". "Causare una perdita di posti di lavoro - aggiunge - significa causare un grave danno sociale".

"L'occupazione non può essere gestita dalle mani di pochi" - "La gestione dell'occupazione è una grande responsabilità umana e sociale che non può essere lasciata nelle mani di pochi o scaricata su un 'mercato' divinizzato - ha detto il Pontefice - Causare una perdita di posti di lavoro significa causare un grave danno sociale". E a braccio ha aggiunto di sentirsi "rattristato" quando il lavoro non c'è ("non si ha dignità di portare il pane a casa") mentre "mi rallegro tanto - ha concluso Bergoglio - quando vedo che i governanti fanno tanti sforzi per trovare posti di lavoro. Il lavoro è sacro, dà dignità a una famiglia. Dobbiamo pregare perché non manchi il lavoro a una famiglia".

Leggi tutto