Cefalù, coppia aggredita da cinghiale. Lui muore, lei si salva

1' di lettura

Un 77enne è stato ucciso da un animale nei pressi della sua abitazione in provincia di Palermo, mentre tentava di proteggere i suoi cani. La moglie ha riportato ferite lievi ed è stata dimessa. Da tempo i sindaci delle Madonie segnalano il numero crescente dei cinghiali

Un uomo di 77 anni, Salvatore Rinaudo, è  stato aggredito e ucciso da un cinghiale (e non da un branco, come ipotizzato in un primo momento) mentre si trovava nella sua abitazione di campagna a Cefalù, in provincia di Palermo. Ferita anche la moglie Rosa, di 73 anni: la donna, dopo alcune ore all'ospedale Giglio-San Raffaele, è stata dimessa

 

Ucciso a morsi dall'animale - La coppia aggredita si trovava in contrada Ferla, nei pressi di una ex fabbrica di ceramiche, a pochi chilometri dall'abitato. Secondo quanto raccontato dalla donna, l'uomo sarebbe morto cercando di difendere i suoi cani. "Mio marito è uscito con i cani questa mattina. Come fa sempre per una passeggiata. Ho visto che si era fermato perché i cani hanno iniziato ad abbaiare ad un gruppo di cinghiali" ha raccontato Rosa Rinaudo agli investigatori. "Mio marito si è messo in mezzo per salvare i cani. - ha aggiunto la donna, che ha poi raccontato di essere stata aggredita anche lei mentre tentava di aiutare suo marito. Sul corpo dell'uomo sono stati ritrovato i segni dei morsi, mentre la donna ha riportato numerose ferite agli arti e all'addome. Si è salvata, ha una prognosi di 15 giorni ed è stata dimessa.

 

Da tempo i sindaci della zona lanciano l'allarme - L'episodio è avvenuto in una zona, compresa tra contrada Ferla e contrada Mollo, che non ricade nel territorio del Parco delle Madonie, in cui vivono numerosi esemplari di cinghiali. Gli animali sono talmente tanti che da anni si programma un abbattimento controllato per evitare aggressioni ad animali da allevamento e danneggiamenti alle colture.  Da tempo inoltre alcuni sindaci delle Madonie, soprattutto quelli dei comuni montani, segnalano i rischi dovuti al numero crescente di cinghiali nel territorio. 

 

Data ultima modifica 08 agosto 2015 ore 16:30

Leggi tutto