Pesaro, 17enne sgozzato: fermati due ragazzi, conoscevano la vittima

1' di lettura

Hanno 19 e 20 anni i due presunti autori dell'omicidio di Ismaele. Avrebbero fatto le prime ammissioni: il movente sarebbe la gelosia. Una fonte investigativa parla di "delitto da videogame". Tensione durante il trasferimento in carcere

Rivalità, gelosie, incomprensioni. Sembrerebbe esserci questo dietro alla morte di Ismaele Lulli, lo studente diciassettenne trovato senza vita e con la gola tagliata in un boschetto a Sant'Angelo in Vado.

 

Due fermi - Per il suo omicidio sono stati prima interrogati per ore dai carabinieri e poi sottoposti a fermo due giovani albanesi, un ventenne residente a Urbania e un diciannovenne residente a Sant'Angelo in Vado. Di mezzo ci sarebbe la fidanzata diciannovenne del primo, ingelosito dalla sua frequentazione con Ismaele. Un 'dramma della gelosia', tutto consumato a colpi di post su Facebook e altri social media, passati al setaccio dai carabinieri che hanno così individuato i due giovani. Tra gli indizi a loro carico anche il fatto che i loro cellulari sono stati agganciati dalla cella telefonica del luogo in cui è stato trovato il corpo di Ismaele.

 

L'sms - Alle 16 di domenica, la madre aveva ricevuto un sms dall'utenza del figlio che annunciava l'intenzione di andare a Milano e "cambiare vita". In realtà, a quell'ora, il ragazzo, studente dell'alberghiero e benvoluto da tutti in paese, forse era già morto e il messaggio sarebbe stato inviato dai due giovani che successivamente gli hanno rimesso il telefono in tasca e poi hanno gettato il corpo in un dirupo ricco di vegetazione. Dai primi risultati trapelati dall'autopsia effettuata ad Ancona, la morte sarebbe stata provocata da un solo colpo di lama, che avrebbe reciso la trachea provocando il decesso per asfissia. Sul collo segni di altre lesioni, compatibili però con l'impatto con rami e vegetazione, mentre non ci sarebbero altri segni di colluttazione. La morte risale alle prime ore del pomeriggio di domenica, quindi prima delle 16.

 

Le prime ammissioni dei due giovani - Interrogati per ore, i due ragazzi albanesi avrebbero cominciato a fare le prime ammissioni e a collaborare con gli investigatori. Uno avrebbe parlato dell'arma, non ancora trovata. "E' come se cominciassero solo ora a rendersi conto dell'enormità del fatto", commenta una fonte investigativa, che parla anche di "delitto da videogame" per la violenza eccessiva e sproporzionata rispetto a qualunque possibile movente. Durante le ore di interrogatorio, davanti alla caserma dei carabinieri di Sant'Angelo in Vado, si sono radunati parenti e amici di Ismaele: dolore, rabbia, disperazione che sono sfociate in momenti di tensione quando i due ragazzi fermati sono stati fatti salire su mezzi dei carabinieri e portati al carcere di Villa Fastiggi a Pesaro. A quel punto urla, calci e pugni alle auto, invettive, lacrime. "Conoscevo Ismaele da quando era bambino", ha singhiozzato un uomo anziano. 

 

Il racconto di un concittadino

 

 

Data ultima modifica 21 luglio 2015 ore 10:20

Leggi tutto