Milano, capotreno aggredito con machete: rischia il braccio

1' di lettura

Sul Passante un ferroviere avrebbe chiesto ad un gruppo di ragazzi di mostrare il biglietto. Uno di loro avrebbe estratto l'arma. La vittima rischia un'amputazione. Ferito anche un macchinista. In questura due sudamericani: apparterrebbero a una gang

Un'aggressione a colpi di machete sul passante ferroviario di Milano. Il capotreno che rischia di perdere un braccio e il macchinista, arrivato in suo soccorso, che finisce all'ospedale con un trauma cranico E' successo ieri sera, poco prima della mezzanotte, alla fermata di Villapizzone una zona periferica della città, lungo il tragitto del treno che da Expo porta a Rogoredo (FOTO).

Un gruppo di ragazzi, a quanto pare di origini sudamericane, ha cercato di accedere alla carrozza senza pagare. Davanti alla resistenza del capotreno che chiedeva di mostrare i biglietti, uno dei ragazzi avrebbe estratto un machete da una borsa aggredendo l'uomo con una ferocia tale che all'ospedale si è resa necessaria un'operazione che è durata tutta la notte per cercare di salvargli il braccio.

Anche un collega del capotreno, fuori servizio in quel momento, intervenuto per fermare l'aggressione è stato a sua volta ferito ed è stato ricoverato con un trauma cranico a Fatebenefratelli. La polizia sta ora cercando di rintracciare i testimoni del fatto che, in preda al panico sono scappati, ma potrebbero invece rivelarsi utili per identificare tutti i componenti della gang che secondo le prime informazioni era composta da almeno 5 o 6 ragazzi. Due ragazzi sudamericani sarebbero stati bloccati e portati in questura per essere identificati.

Leggi tutto