Torino, bomba carta al derby. Arrestato tifoso Juventus

1' di lettura

Sarebbe stato un ultrà bianconero di 28 anni, residente nella provincia di Bergamo, a lanciare l'ordigno che durante la partita ferì undici supporter granata. Secondo le indagini, era entrato allo stadio sottraendosi ai controlli

Sarebbe stato un ultrà della Juventus di 28 anni, residente nella provincia di Bergamo, a lanciare la bomba carta che durante l'ultimo derby della Mole ferì undici tifosi granata (FOTO). La Digos di Torino, che nei giorni successivi la partita lo aveva già denunciato, ha provveduto al suo arresto. Sarebbe entrato allo stadio sottraendosi ai controlli. Il giovane non è riconducibile ad alcun gruppo organizzato della tifoseria bianconera.

La dinamica -
Le indagini hanno raccolto nei suoi confronti quelli che gli inquirenti definiscono "elementi indiziari di rilevante importanza". L'analisi dei filmati registrati sia dal sistema di videosorveglianza interno allo stadio sia dagli operatori della polizia scientifica, nonché quelli amatoriali acquisiti nei giorni successivi, hanno consentito alla polizia di ricostruire la dinamica del lancio e il luogo di partenza, individuato nella parte mediana del settore occupato dalla tifoseria bianconera.

Le analisi - Le successiva analisi investigative hanno inoltre consentito di recuperare numerose immagini in cui l'ultrà bianconero viene immortalato con armi da taglio e con bombe carta del medesimo tipo di quella esplosa in occasione del derby. L'arrestato si trova ora nel carcere torinese Lorusso e Cutugno, a disposizione dell'autorità giudiziaria.

Leggi tutto