No Expo, agente pestato al corteo di Milano: un arresto

1' di lettura

Residente nell'hinterland milanese, 28 anni, apparterrebbe all'area anarchica e avrebbe piccoli precedenti penali. E' accusato di aver picchiato il vicequestore D'Urso durante la devastazione del centro della città

Un uomo è stato arrestato stamttina con le accuse di resistenza aggravata e lesioni aggravate per aver pestato un poliziotto, il vicequestore Antonio D'Urso (guarda l'intervista), durante i disordini al corteo dello scorso primo maggio contro l'Expo. Le indagini sono state coordinate dal procuratore aggiunto Maurizio Romanelli e dal pm Piero Basilone.

Farebbe parte dell'area anarchica - Secondo le prime indiscrezioni, l'uomo, 28 anni, apparterebbe all'area anarchica milanese e avrebbe piccoli precedenti penali. Il giovane sarebbe originario di Rho, nell'hinterland milanese. E' stato arrestato all'alba, a due settimane dal corteo no Expo durante il quale un gruppo di black bloc devastò Milano.

L'aggressione a D'Urso - Durante le devastazioni in pieno centro a Milano, messe in atto da alcune centinaia di black bloc, il vice questore Antonio D'Urso era stato picchiato a più riprese mentre cercava di bloccare una donna coinvolta negli scontri. Per permetterle la fuga, infatti, erano intervenuti alcuni antagonisti picchiando con bastoni il poliziotto. Uno di loro sarebbe proprio quello arrestato questa mattina.

Leggi tutto