Napoli, spara all'impazzata dal balcone: 4 morti

1' di lettura

L'uomo ha prima colpito alcuni familiari, in seguito a una lite per futili motivi. Poi ha aperto il fuoco sulla strada uccidendo un agente della municipale e un passante e ferendo altre persone. De Magistris proclama il lutto cittadino

Quattro morti e cinque feriti a Napoli, dove un infermiere di 48 anni ha aperto il fuoco prima contro alcuni familiari, poi sparando all’impazzata dal balcone di casa. (FOTO) Le vittime sarebbero un fratello dell'uomo, la cognata, un ufficiale della polizia municipale e un giovane che viaggiava a bordo di uno scooter in strada. Feriti due poliziotti, un carabiniere, un altro agente della municipale e un passante.

Durante la strage, il killer si è barricato in casa circondato da una serie di bombole a gas, minacciando di far saltare in aria l'abitazione. Dopo una mediazione portata avanti dalle forze dell'ordine, nell'appartamento hanno fatto irruzione polizia e carabinieri che hanno bloccato e portato via l'assassino. Durante l'intervento non sarebbero stati esplosi colpi di arma da fuoco.

Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha proclamato il lutto cittadino fino al giorno dei
funerali delle vittime. Il primo cittadino ha inoltre fatto sapere che la cerimonia d'inaugurazione della stazione metropolitana di Napoli, in programma per domani alla presenza del Presidente del Consiglio Renzi, è stata annullata.

Leggi tutto