Civitanova Marche, affonda peschereccio. Due morti

1' di lettura

L'imbarcazione, specializzata nel prelievo di mitili da impianti di coltura in mare, sarebbe naufragata a causa di on'onda che ha provocato lo spostamento del carico. Due le vittime, si cercano due dispersi. Salvi altri due membri dell'equipaggio. VIDEO

Un peschereccio è affondato al largo di Civitanove Marche nelle prime ore di giovedì 2 aprile. Due le vittime accertate, un italiano e un romeno, mentre sono in corso le ricerche di due dispersi in cui sono impegnati mezzi della Capitaneria di porto e un elicottero dei vigili del fuoco. Altri due passeggeri che si trovavano a bordo sono invece stati soccorsi e stanno bene. L'equipaggio sarebbe composto da marinai di origine pugliese e da alcuni immigrati stranieri.

A causare l'incidente uno spostamento del carico
- Stando ai primi dettagli verso le 6.20 di questa mattina il peschereccio "Sparviero", specializzato nel prelievo di cozze da impianti di coltura in mare, si sarebbe rovesciato. A causare l'incidente, spiega il comandante Floriana Segreto, delle relazioni esterne della Guardia  Costiera, sembra essere stata "un'onda sulla fiancata che ha provocato lo spostamento dei carichi a bordo, causando il ribaltamento dell'unità tessa".

Superstite: è stata un'onda anomala - "Questa notte avevamo fatto un carico di 60-80 quintali di cozze quando è arrivata un'onda anomala da levante che ha spostato il carico tutto da un lato e ha fatto rovesciare l'imbarcazione. Il comandante ha fatto in tempo a dare l'allarme ma prima dell'arrivo dei soccorsi siamo rimasti in mare per circa un'ora e mezzo" dice Aldo Leo, il marittimo 37enne scampato al naufragio del motopesca 'Sparviero'. Tra i sopravvissuti c'è anche Leonardo Coccia, comandante del peschereccio e figlio dell'armatore.

Leggi tutto