Arresto Helg, Cantone: ipocrisia più dannosa di corruzione

1' di lettura

Il presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione a Sky TG24 commenta il fermo del presidente della Camera di Commercio di Palermo, accusato di aver intascato una tangente da 100mila euro e che in vari interventi aveva condannato le mazzette

“Ricordo che fece un intervento particolarmente appassionato contro la corruzione”. Così a Sky TG24 il presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione Raffaele Cantone parla di Roberto Helg, il presidente della Camera di Commercio di Palermo, arrestato con l'accusa di aver preso una tangente di 100mila euro.
“Fermo restando la presunzione di innocenza e fermo restando che il soggetto potrebbe essere assolutamente estraneo ai fatti, è evidente come in questo mondo ci sia tanta ipocrisia e questa fa molti più danni, ulteriori danni rispetto alla stessa corruzione. Se un soggetto del genere parla di contrasto alla corruzione e poi viene arrestato – conclude Cantone - il rischio vero è che si metta in discussione anche la battaglia oltre alle sue parole”.

Leggi tutto