Elena Ceste, arrestato il marito per omicidio

1' di lettura

Fermato Michele Buoninconti. Secondo l'esame autoptico il delitto potrebbe essere avvenuto a casa. Il corpo della donna era stato ritrovato in un canale il 18 ottobre scorso, a 9 mesi dalla sua scomparsa. VIDEO

I carabinieri di Asti hanno arrestato il marito di Elena Ceste, Michele Buoninconti, per omicidio volontario e occultamento di cadavere. Ieri era stata depositata in Procura la perizia autoptica eseguita sul corpo della donna, ritrovato il 18 ottobre scorso a 9 mesi dalla sua scomparsa. Nella stesso tempo era stato effettuato, su iniziativa dei legali, un sopralluogo sul luogo in cui venne ritrovato il corpo della vittima. 

Arrestato quando i figli non erano a casa
- L'uomo era indagato per omicidio dal 24 ottobre. L'arresto, a quanto si  apprende, è  avvenuto questa mattina intorno alle 10 e al momento del  fermo in casa non c'erano i quattro figli della coppia, che sarebbero stati affidati ai familiari in attesa che venga definita la loro  posizione. In merito sono già stati informati la procura dei minori e i servizi sociali.

All'inizio ipotesi suicidio - Elena Ceste aveva 37 anni quando il 24 gennaio del 2014, scomparve dalla sua casa a Motta di Costigliole d'Asti. In un primo momento le indagini ipotizzarono una fuga e perfino il suicidio. Poi cominciò a prendere corpo l'ipotesi dell'omicidio, fino al ritrovamento dei resti della donna, il 18 ottobre scorso, in un canale del rio Mersa, poco distante dalla sua abitazione.

Delitto avvenuto probabilmente a casa - Secondo quanto emerso dall'autopsia però sembra probabile che la donna sia stata uccisa in casa e poi portata solo in seguito nel luogo in cui è stata effettivamente ritrovata. "La donna sarebbe deceduta per morte violenta nella sua abitazione. Escludiamo l'annegamento. Probabile l'asfissia" ha detto il colonnello dei Carabinieri Fabio Federici. "Riteniamo che il corpo si trovasse nel rio Mersa sin dal giorno della sua scomparsa" ha precisato il militare.

Leggi tutto