Tav Roma-Firenze, rogo causato da bottiglia incendiaria

1' di lettura

Un ordigno, inesploso, è stato ritrovato dopo che un incendio aveva danneggiato un pozzetto di cavi elettrici all'uscita di una galleria all'altezza del comune di Bagno a Ripoli. I treni provenienti dalla Capitale hanno subito ritardi anche di un'ora

Una bottiglia con all'interno della benzina, inesplosa, è stata rinvenuta stamane all'uscita della galleria San Donato della linea ferroviaria ad alta velocità Firenze-Roma, nel comune di Bagno a Ripoli (Firenze).

L'incendio - Secondo quanto ricostruito dalla polizia, il ritrovamento è avvenuto dopo che alle 5 di stamane un incendio, forse provocato da un'altra bottiglia incendiaria, aveva danneggiato un pozzetto di cavi elettrici, poco distante. Sarebbe stato il personale di Trenitalia a segnalare il piccolo incendio. La bottiglia aveva l'innesco e, spiega la polizia, vi erano attaccati anche dei fiammiferi. In un primo momento, al momento della segnalazione dell'incendio si era pensato a un guasto elettrico. Sul posto sono intervenuti tecnici di Trenitalia, polfer, vigili del fuoco e polizia scientifica.

Ritardi e disagi - L'incendio ha provocato ritardi - anche di un'ora - sulla linea ferroviaria ai treni sia ad alta velocità, sia regionali provenienti da Roma, tra le 9 e le 10,30. I tecnici di Rfi sono sul posto per ripristinare i cavi danneggiati e si prevedono ritardi di circa 15 minuti fino al primo pomeriggio. Regolare invece il traffico da Firenze a Roma.

Il precedente -
Il 2 dicembre scorso una bottiglia da 2 litri piena di benzina e dotata di innesco era stata trovata su una gru in un cantiere per i lavori della Tav in zona Campo di Marte a Firenze.

Leggi tutto