Milano, 45 anni fa la strage di piazza Fontana

Il 12 dicembre 1969 l'esplosione a Milano di una bomba nella Banca Nazionale dell'Agricoltura provoca 17 vittime e 84 feriti
1' di lettura

Il 12 dicembre 1969 una bomba all’interno della Banca Nazionale dell'Agricoltura provocò 17 vittime e più di 80 feriti, aprendo di fatto la stagione della “strategia della tensione”. In città cortei e iniziative per non dimenticare

Una strage senza colpevoli ma con tanti testimoni pronti a mantenerne viva la memoria: Milano, a 45 anni da  Piazza Fontana, non dimentica. Oggi, venerdì 12 dicembre, in ricordo delle 17 vittime della strage che ha dato il via alla lunga stagione della “strategia della  tensione”, sono diverse le iniziative organizzate in città.

Nell'aula Consiliare di Palazzo Marino si svolgerà un Consiglio straordinario alla presenza del sindaco Giuliano Pisapia, del primo cittadino di Brescia Emilio Del Bono, del vicesindaco di Bologna Silvia Giannini, di Carlo Smuraglia in rappresentanza del Comitato Permanente Antifascista e del Presidente Associazione Piazza Fontana 12 dicembre '69 Carlo Arnoldi.

Al termine del Consiglio comunale, alle ore 16.37 nell'orario esatto in cui esplose la bomba nella filiale della Banca nazionale dell'agricoltura (88 i feriti oltre alle vittime), in piazza Fontana saranno deposte le corone sotto la lapide che ricorda le vittime della strage. Saranno presenti, tra gli altri, il presidente della Regione  Lombardia Roberto Maroni e il presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo. Poi da piazza della Scala partirà il corteo con i gonfaloni delle città che confluirà in piazza Fontana dove si terranno i discorsi commemorativi.

A Milano, proprio per consentire le celebrazioni del 45esimo anniversario della strage, lo sciopero generale indetto da Cgil e Uil scatterà alle 19 e durerà fino alle 24. Qui tutte le informazioni sullo sciopero e la cronaca dei cortei in tutta Italia.

Leggi tutto