Mafia Capitale, spuntano viaggi sospetti di Alemanno

1' di lettura

Secondo un'intercettazione, l'ex sindaco andò in Argentina con valigie piene di soldi. Emergerebbe anche un furto, mai denunciato, a casa dell'ex primo cittadino. Immediata la replica: millanterie. Fonti Procura: nessun riscontro su contanti all'estero

L'inchiesta della Procura di Roma ribattezzata Mafia Capitale - che il 2 dicembre ha portato all'arrestato di 37 persone - si arricchisce di nuovi particolari. A far notizia è un'intercettazione ambientale, ascoltata dai carabinieri del Ros, nella quale si parlerebbe di valigette piene di contanti traportate in Argentina da Gianni Alemanno (la rassegna stampa). Indiscrezione però, che secondo quanto precisano fonti della Procura, non troverebbe alcun riscontro.

L'intercettazione - Secondo la conversazione, che risale al 31 gennaio 2014, l'ex sindaco della Capitale sarebbe partito tre o quattro volte per l'Argentina con valigie piene di soldi presumibilmente frutto di tangenti. Protagonisti della conversazione sono Luca Odevaine -  ex vice capo di gabinetto di Walter Veltroni - Mario Schina - responsabile del Decoro urbano del Comune dal 2005 al 2007 durante la giunta Veltroni - e l’imprenditore Sandro Coltellacci. Tutti e tre risultano indagati nell'inchiesta della procura di Roma che indaga sui rapporti tra criminalità organizzata e apparati romani e che coinvolge esponenti del Campidoglio sia di destra che di sinistra. 

Il presunto furto - Odevaine parlerebbe anche di un furto a casa dell'ex primo cittadino. "A un certo punto però deve essere successo un casino con quello con cui ha litigato e ad Alemanno gli hanno fatto un furto in casa" sarebbero le parole dell'indagato. Immediata la risposta dell'ex sindaco: "Si tratta solo di millanterie" afferma e precisa di essere stato in Argentina con un gruppo di amici per pochi giorni a Capodanno. E, a proposito del furto, puntualizza che la notizia è di dominio pubblico e risale all'ottobre 2013. Pare però che un'informativa dei Ros renda noto che né Alemanno né la moglie abbiano mai denunciato il fatto.

Leggi tutto